Pittura antimuffa: tutto quello che devi sapere


Quando l’umidità all’interno di un locale diviene persistente, è possibile andare incontro a fenomeni sgradevoli come la formazione di muffe. In questo caso è importante intervenire con la pittura antimuffa per interni e bloccare il problema al più presto, per evitare danni agli ambienti e salvaguardare la nostra salute.

Muffa in casa: non sottovalutarla


Gli ambienti più umidi di casa, come il bagno, la cucina, la cantina o la lavanderia e il sottotetto, sono quelli in cui di solito può svilupparsi la muffa. Normalmente si forma negli angoli o sul soffitto ed è sostanzialmente un fungo.
La pericolosità della muffa non riguarda soltanto il danneggiamento alle pareti e agli intonaci, che vengono letteralmente mangiati; purtroppo questo parassita si trasmette con estrema facilità anche ai mobili e, grazie alla volatilità delle sue spore, può essere inalato e causare asma, bronchiti, allergie e mal di testa. Il consiglio è quindi quello di areare i locali con regolarità e controllare che non vi siano delle perdite in tubazioni e scoli. Qualora queste accortezze non fossero sufficienti a scongiurare il problema, è possibile intervenire a posteriori con una pittura antimuffa per interni.

Che cos’è la pittura antimuffa?


La pittura antimuffa è una vernice a base acquosa che al suo interno comprende un funghicida; con il suo utilizzo non si vanno a coprire le antiestetiche macchie di muffa che rovinano le stanze della nostra casa (la vernice non va stesa sulla muffa, bensì sulla parete dopo averla eliminata con prodotti specifici).
L’azione più importante della pittura antimuffa è quella di sopprimere il fungo della muffa e le sue spore, creando un substrato in cui non riesca ad attecchire e conseguentemente a diffondersi.
Normalmente queste pitture sono costituite da resine sintetiche; il risultato finale sarà dunque quello di ottenere una superficie sana, impermeabile e lavabile.

Quale pittura scegliere


Diciamo da subito che non c’è una risposta univoca a questa domanda. Sul mercato si trovano diversi prodotti, ma ogni infiltrazione è un caso a sé e può essere più o meno grave ed estesa, interessare stanze più o meno areate e via dicendo. L’importante è quindi utilizzare la vernice giusta per l’esigenza specifica. In oltre trent’anni di esperienza, abbiamo visto che la valutazione da parte di un professionista può essere determinante nel trattamento di questo problema.
Se ti occorre una consulenza, non esitare a chiamarci: il problema della muffa, quando non trattato nella maniera corretta, può ripresentarsi dopo poco tempo anche utilizzando vernici di primissima qualità.

Come si usa la pittura antimuffa


Pur essendo una vernice particolare – e per un utilizzo specifico – la pittura antimuffa va semplicemente applicata come tutte le altre. Raccomandiamo quindi l’utilizzo di pennello e rullo per due mani di verniciatura, dopo aver mascherato e protetto adeguatamente mobilio e pavimenti. Nel caso in cui la muffa sia concentrata o estesa, la parete dovrà essere preventivamente trattata con prodotti specifici per rimuoverla e in seguito lasciata asciugare, prima di stendere la vernice.

Quando va usata


Nel caso di pareti soggette a infiltrazioni, umidità e appunto all’insorgere di muffe, la pittura antimuffa da interni va utilizzata sempre. Molti attendono la primavera per tinteggiare o rinfrescare le pareti di casa, per facilitare l’asciugatura della vernice grazie al clima più caldo e risparmiare tempo prezioso; altri ritengono che d’inverno si vada a colpire in maniera più efficace la muffa, colta nel periodo dell’anno che la vede più “debole”.
L’importante in questi casi è che le pareti siano trattate correttamente e che si utilizzino prodotti di qualità, stendendo più mani di vernice.

Quanto costa la pittura antimuffa?


Come dicevamo qualche paragrafo sopra, sul mercato c’è una discreta scelta di pitture antimuffa. Per fare alcuni esempi, Univer Sfera e Sigma Fungimatt sono due ottimi prodotti per il trattamento delle muffe domestiche da umidità. Occorre anche tenere in considerazione a quale tipo di esigenza dovremo far fronte, e cioè l’estensione della superficie da trattare e l’entità del danno da muffa. Le latte in commercio vanno da 2,5 e 4 litri fino a 12,5 – 14 litri di pittura. Possiamo dunque affermare che un trattamento antimuffa possa venire a costare dai 30/40€  in su.
Naturalmente, conoscendo ogni prodotto è possibile farsi un’idea della resa e di quale situazione lo veda impiegato in modo più efficace rispetto a un altro.

Qualora foste in difficoltà, potete chiamarci al 0125639278 oppure passare al colorificio per una rapida consulenza e per scegliere la pittura antimuffa adatta a tutte le vostre esigenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.